FUMETTI VIDEOGIOCHI TV CINEMA
Il nuovo gusto della tv!

Comic-Con 2012: tutte le novità sulla quinta stagione di Star Wars: The Clone Wars

clone wars armageddon

Dopo aver seguito i maggiori panel televisivi del Comic-Con (trovate tutte le news al seguente LINK), ecco finalmente anche il resoconto di Star Wars: The Clone Wars. Dave Filoni e lo sceneggiatore Matt Michnovetz hanno parlato della quinta stagione, in cui vedremo i protagonisti sempre più impegnati e le new entry farsi avanti: il pilot della nuova serie verrà mostrato al Celebration VI, che si terrà a Orlando dal 23 al 26 agosto. Vi ricordiamo che trovate il full trailer in questa news, mentre al seguente indirizzo abbiamo pubblicato il primo sneak peek.

La Minaccia di Maul

Dopo aver letto i titoli dei primi episodi, scopriamo che l’ordine delle puntate è stato modificato: la premiere non sarà più War on Two Fronts, ma Revival, con il quale la produzione vuole portare avanti la storia di Darth Maul lasciata in sospeso in Revenge (4×22). L’aspetto del personaggio subirà qualche modifica: sembra infatti che non lo vedremo sempre con le gambe dalla forma animalesca. “E’ un Sith addestrato,” spiega Filoni parlando di Maul. “Ha avuto come maestro il Signore dei Sith con più successo in assoluto, Darth Sidious. Non vogliamo che che i Lord Sith siano delle armi smussate. Vogliamo mostrare che c’è intelligenza dietro. In questa stagione sveliamo che Darth Maul è veramente sinistro. E’ tattico e ha una grande conoscenza del perchè Sidious ha cosi tanto successo come Signore dei Sith. Savage Opress non si rende conto della malvagità del fratello o delle sue vere intenzioni. Lui e Maul dovranno risolvere delle questioni.” In questo momento sembra che la famosa Regola dei Due – che vuole solo due Sith nascosti nella Galassia (un maestro e un apprendista) – sia stata buttata alle ortiche. Filoni ha spiegato che la produzione non ha dimenticato questa cosa e che lo stesso Darth Sidious si è accorto dell’anomalia: è ora che il vero Maestro Sith rimetta le cose in ordine…

Gli eroi della quinta stagione

Anche la relazione tra Anakin e Padmé subirà una svolta. “C’è questa idea secondo la quale il loro sia un legame perfetto,” osserva Filoni. “Lui è molto più giovane di lei., può essere impulsivo e infantile. Lei è più matura, intelligente ed è la senatrice. Queste cose creano problemi tra loro? E’ una delle cose che abbiamo studiato. Scopriremo anche quanto Obi-Wan sappia su ciò che sta accadendo. La gente se lo è sempre domandata.” E parlando di Obi-Wan, Filoni anticipa una stagione ancora più movimentata della quarta serie: “capirete alla fine di tutto perchè vive da solo nel deserto.” Anche Ahsoka avrà molto da fare quest’anno: “avrà un ottimo anno,” commenta Filoni. “Più di qualsiasi anno precedente, ci sono degli sviluppi per il suo personaggio. So che ci sarà qualcosa con Lux Bonteri e vedremo delle cose interessanti.”

L’ascesa della Death Watch

Nella quinta stagione vedremo Pre Vizsla pronto a riprendersi l’eredità dei guerrieri – tutti parte del grande piano dello show. “Sono una cultura e come qualsiasi cultura nel nostro mondo, cambiano ed evolvono, ” spiega Dave. “Hanno alti e bassi. Se sei una razza guerriera per migliaia di anni, ci sono possibilità che a un certo punto tu possa avere un’influenza devastante sul tuo popolo. La grande domanda è per quanto tempo – se questo è quello che sei veramente nell’animo e nel cuore – per quanto tempo puoi negare questa cosa? Questo li rende molto più interessanti come civiltà.” Nella nuova stagione vedremo ancora Bo-Katan (doppiata da Katee Sackhoff): “farà molte più cose in questa stagione di quanto Boba Fett abbia mai fatto.” Filoni ha anche smenito la presenza di Boba Fett in armatura.

Questioni militari

Matt Michnovetz sta lavorando a una storia incentrata su un Commando di cloni, ma solo uno di essi apparirà nella quinta stagione. “Abbiamo introdotto Tarkin nello show per un motivo,” spiega Filoni, parlando delle forze militari non-cloni. “Tarkin rappresenta qualcosa che sta per succedere e di cui i Jedi non si rendono conto: hanno detto a Palpatine che sono dei garanti della pace e non soldati. Questo è vero, ma è un errore, perchè sono il giusto modello di leader, mentre Tarkin è quello sbagliato. Tarkin e i suoi useranno questa cosa per fare pressione e lentamente cominceranno ad avanzare e occupare ciò che conosciamo come esercito della Repubblica. Vedrete questa cosa realizzarsi.”

Fonte: starwarsblog