Arrested Development 4 - reunion nuovi episodiIn principio c’è stata Lilyhhammer, poi House of Cards. Ora sono in arrivo Hemlock Grove (il 19 aprile) e, soprattutto, Arrested Development (a maggio). L’avanzata di Netflix continua spedita. Obiettivo: diventare la nuova HBO. O qualcosa del genere.

Se già con House of Cards il servizio di streaming ha dimostrato di avere i soldi, l’interesse e la voglia per giocare a un livello molto alto, è proprio con i nuovi episodi di Arrested Development che il gioco si fa interessante.

Al contrario di House of Cards, una serie tradizionale, Arrested Development introdurrà delle novità radicali nella produzione televisiva: non solo la distribuzione di tutti gli episodi in contemporanea per incoraggiare un’abbuffata bulimica che farà contenti i fan di lunga data della famiglia Bluth, ma anche una totale non linearità delle storie.

Come spiega Willa Paskin su Wired, i nuovi episodi di Arrested Development sono un esperimento creativo pensato appositamente per Netflix: ogni episodio avrà una durata diversa dagli altri e sarà narrato dal punto di vista di un personaggio diverso, ci saranno scene e contenuti che avranno senso solo a una seconda visione, e, soprattutto, non ci sarà un ordine preciso per gli episodi. Certo, ci sarà l’ordine suggerito, ma, sostengono gli autori, la stagione sarà più simile a un cd musicale che a una tradizionale stagione televisiva: ovvero chiunque potrà guardare gli episodi nell’ordine che preferisce. La scomessa è che lasciando decidere agli spettatori come guardare una serie, diventeranno più affezionati sia al prodotto che al contenitore.

Kevin Spacey - House of Cards

Netflix non sta semplicemente producendo nuove serie, sta cercando di distruggere e cambiare il modo di fare televisione. Come direbbe Frank Underwood, protagonista di House of Cards: è così che si divora una balena, un boccone alla volta.

Fonte: Wired