Pronti per il binge-watching?

Da oggi sono disponibili su Netflix Italia le cinque stagioni complete di Breaking Bad (leggi le nostre recensioni nella scheda) e la prima stagione di Better Call Saul, il prequel della serie di Vince Gilligan con Bob Odenkirk. Quest’ultima, in particolare, debutta per la prima volta nel nostro paese in vista della seconda stagione, che – come BadTV.it vi aveva rivelato in anteprima qualche settimana fa – arriverà nel nostro paese il 16 febbraio (il 15 negli USA) a cadenza settimanale sul servizio di streaming, anche in Ultra HD 4K. La serie viene accompagnata dalla dicitura “A Netflix Original Series” (come, per esempio, Scream) perché Netflix detiene i diritti di prima distribuzione internazionale.

Better Call Saul è il prequel dell’acclamata serie Breaking Bad e segue le vicende dello sfortunato Jimmy McGill (Bob Odenkirk) oramai addentrato tra i drammi morali del mondo giuridico, tra le difficoltà gestionali di suo fratello e dalla costante frustrazione di voler riuscire a tutti costi ad affermarsi il prima possibile per potersi aprire uno studio legale tutto suo. Nella prima stagione lo abbiamo visto inciampare in una grossa causa collettiva, che lo porta poi ad avere una promettente opportunità di lavoro in una grossa azienda. Arrivato ad un bivio, Jimmy sceglierà il posto fisso in un’impresa sicura o cederà alla tentazione di mettersi in proprio e di prendere magari la strada del genio della truffa?

La prima stagione di Better Call Saul ha ottenuto i migliori ascolti di sempre nella storia della televisione via cavo per una serie esordiente (è stata battuta da Fear the Walking Dead, sempre della AMC, qualche mese fa).

Il prequel di Breaking Bad ha ottenuto sette nomination agli Emmy, e ha vinto due Critics’ Choice TV Awards, oltre al TCA Award come miglior nuovo programma.

Trovate le nostre recensioni della prima stagione e tutti gli aggiornamenti nella nostra scheda.