Nell’episodio che rimette faccia a faccia Rhoades e Axelrod, la scrittura di Billions si destreggia fra mille riferimenti pop. Ecco, Billions è anche quel tipo di serie in cui chiunque, in qualunque momento, può fare un riferimento pop, sicuro che la persona di fronte a lui lo capirà. L’artificio della scrittura può essere un’arma a doppio taglio, oscillare tra improbabili tatuaggi sul sedere o confronti diretti in cui ognuno cerca di prevalere sull’altro. The Oath si basa anche su questi, nel momento in cui i due protagonisti principali si lanciano all’assalto aperto l’uno contro l’altro.

Axelrod deve necessariamente cedere terreno. Lo impone la scrittura, lo impone la storia. Le cose erano andate troppo lisce per lui nei primi episodi, nei quali l’abbiamo visto impartire una severa lezione a Todd anche grazie a Taylor. Nel quarto episodio non compaiono né il primo né la seconda, ma altre sfide, altri interessi. Quello di Axelrod di possedere una squadra di football americano, che sfumerà nel finale concedendo al milionario la possibilità di un appiglio per colpire Rhoades. Da parte sua Rhoades fatica a tenere in piedi le accuse contro Boyd e, nonostante abbia trovato una pedina debole su cui appoggiarsi, i dubbi di quest’ultima lo mettono in difficoltà.

Billions continua nel frattempo a giostrarsi nella visione leggermente diversa del nostro mondo che prospetta, ed è difficile non vedere in Craig Heidecker una sorta di Elon Musk. Wendy si avvicina all’uomo, ha una lunga conversazione con l’astronauta Elena Gabriel. Anche nella presenza di questo personaggio potremmo trovare un senso all’assenza di Taylor. Per certi versi le due si assomigliano nel loro essere così diverse dalle persone intorno a loro, più idealiste, o forse semplicemente troppo lontane dal bisogno di accumulare ricchezze e potere.

Il confronto finale con la deposizione di Axelrod è un bel momento. Bobby si presenta con una t-shirt dei Megadeath, a sottolineare il suo disinteresse per la faccenda, per la quale non ritiene necessario nemmeno vestirsi elegantemente. In realtà le parole lo tradiscono, ed è difficile per una persona orgogliosa come lui ammettere che l’atteggiamento di Chuck potrebbe averlo ferito e danneggiato sul piano personale. Una pausa provvidenziale lo rimetterà in carreggiata, fornendogli un’altra arma dialettica da sfoderare contro il suo avversario.