Qualche giorno fa abbiamo riportato come la maggior parte delle riprese di The Terror, maestoso horror storico targato AMC prodotto da Ridley Scott, sia stata effettuata in teatro di posa, contrariamente a quanto l’ambientazione tra i ghiacci artici potrebbe far supporre. Creare un’atmosfera gelida e verosimile per la serie corrispondeva all’impresa mastodontica del ricreare la nave che dà il titolo alla storia. “[L’HMS] Terror ha una storia lunga e affascinante. Anche se non ne parliamo direttamente nel nostro show, volevamo che il pubblico la percepisse il più possibile”, ha detto la produttrice esecutiva Soo Hugh.

La Terror non nacque come nave da spedizione; prese parte alla Battaglia di Baltimora nel 1812. L’assalto a Fort McHenry fu guidato in parte da proiettili lanciati dalla Terror. Quella storia, collegata alla spedizione del capitano Francis Crozier (interpretato da Jared Harris nella serie), erano ciò che il team creativo della serie voleva mostrare al pubblico.

Ecco perché è stato necessario l’intervento di Matthew Betts, un archeologo che ha intrapreso l’ambizioso progetto di ricreare la Terror alcuni anni fa. Quando Betts ha iniziato un blog sul suo lavoro per costruire un modellino in scala 1:48 della Terror, ha attirato l’attenzione del produttore esecutivo David Kajganich. Betts è diventato consulente storico della serie, contribuendo con alcune delle sue ricerche alla progettazione non solo della Terror, ma anche della nave da spedizione gemella, l’ammiraglia Erebus.

“Erano navi incredibili, con una storia vasta e complessa come qualsiasi altro personaggio della serie. Era impossibile, per noi, immaginare queste navi. Abbiamo dovuto ricrearle”, ha detto Betts. “Erano iconiche come il Titanic, e non potevi ricreare il Titanic con un motoscafo.”

Avendo due navi nella storia, il team di The Terror ha ideato un sistema in grado di gestire entrambe. In un teatro di posa dedicato, lo scenografo Jonathan McKinstry ha ricreato un’imbarcazione che poteva essere usata come Terror o Erebus, a seconda delle esigenze di ripresa.

Il passaggio da una nave all’altra ha contribuito a narrare i cambiamenti psicologici avvenuti tra i rispettivi equipaggi della Terror e della Erebus, cosa che Kajganich ha definito determinante per mettere in luce le differenze tra gli uomini che le hanno comandate.

“Non abbiamo mai voluto che ci fosse qualche indicazione lampante su quale nave venisse mostrata. Volevamo che la differenza fosse rivelata dai dettagli”, ha detto Kajganich. “Quando sei sulla Erebus, con John Franklin al comando, vedi la sua visione del mondo che, quando sei a bordo del Terrore, avverti in modo diverso. Anche Crozier ha modellato l’ambiente intorno al proprio punto di vista.”

The Terror

L’idea che queste navi fossero congelate in una vasta distesa di acque oceaniche solide significava che, nei vari momenti dell’anno solare interno allo show, ogni nave sarebbe stata bloccata in certi angoli specifici. Per aiutare a tenere traccia di tali modifiche, il set è stato costruito su un giunto cardanico che poteva ruotare la scenografia per tutta la lunghezza orizzontale fino a 15 gradi.

“Abbiamo costruito un giunto cardanico in acciaio, perché le barche dovevano inclinarsi con la crescita del ghiaccio. Si inclinarono in modo diverso, così abbiamo costruito questo marchingegno che avrebbe permesso loro di spostarsi a sinistra o a destra”, ha detto McKinstry. “Per nascondere la sospensione e avere il ghiaccio al livello dell’acqua corretto rispetto alla barca, abbiamo dovuto costruire piattaforme intorno alla nave che doveva essere spostata per tutte le diverse configurazioni di ghiaccio.”

Il ghiaccio si è rivelato una sfida separata. Prendendo in considerazione le combinazioni di angoli, le dimensioni e i diversi periodi dell’anno, McKinstry e il suo team hanno costruito un complesso assortimento di pezzi intercambiabili che potevano connettersi e muoversi in base alle esigenze della serie.

“Fondamentalmente era un intero puzzle di pezzi di ghiaccio che erano scolpiti in polistirolo, installati su telai metallici semovibili che dovevamo continuamente riconfigurare per creare diversi ambienti ghiacciati”, ha affermato McKinstry. “La nostra neve era una miscela segreta di sali di Epsom e un altro liquido per legare tutto insieme. Quando ci camminavi sopra, si sbriciolava e creava l’effetto sonoro della neve ghiacciata. Alcuni dei suoni che si sentono di persone che avanzano attraverso la neve sono stati registrati in presa diretta, piuttosto che ricreati in seguito.”

McKinstry stima che oltre 250 tonnellate di miscela di sale siano state utilizzate per rivestire non solo i vari pezzi di ghiaccio, ma anche la barca stessa. Per le navi intrappolate in un posto per così tanto tempo, un’altra parte fondamentale del processo di progettazione è stato il monitoraggio dei cambiamenti nel processo di invecchiamento, poiché lo spettacolo ha svariati salti temporali. Questo valeva sia per il set principale sopra coperta che per quelli separati sottocoperta, che erano costruiti in un diverso teatro di posa.

“Li abbiamo costruiti in un teatro separato in modo che potessero corrispondere all’inclinazione che si trovava sul set del ponte principale. Abbiamo dovuto invecchiare il tutto per dargli un carattere e dare l’impressione di un lungo viaggio”, ha detto McKinstry.

Prima del suo viaggio finale, il Terrore è stato dotato di un motore locomotivo per aiutare i suoi sforzi nell’attraversare acque inesplorate. Quel viaggio è, in realtà, giunto al termine nel 2016, quando la Terror è stata ritrovata in perfette condizioni, due anni dopo la scoperta dei resti dell’Erebus. Ora che entrambe le loro immagini sono state resuscitate sullo schermo, le due navi emergono come personalità distinte all’interno della storia.

“La prima cosa [David] mi ha detto è che vedeva le due navi come personaggi in questo show”, ha detto Betts. “Ho pensato che fosse grandioso, perché so dalla storia che il design delle navi, le loro capacità, gli spazi all’interno e la loro tecnologia hanno davvero aiutato a guidare la storia dell’esplorazione polare.”

Cosa ne pensate? Avete visto The Terror? Fatecelo sapere nei commenti!

Fonte: IndieWire