Questa volta è finita per davvero, sempre che, in attesa della versione vip del programma che partirà a settembre, non ci venga riproposto un bel medley di tutte le edizioni di Temptation Island trasmesse finora. L’ultimo appuntamento con il reality delle coppie ci era stato annunciato come una puntata speciale e noi attendevamo col batticuore di vedere che fine avesse fatto il manipolo di cornificatori e piagnone, come fossero tornati tutti alla loro quotidianità, magari assistendo a qualche piccante dietro le quinte o godendoci reazioni di parenti e amici dopo la messa in onda dello show. Ma le nostre felici aspettative sono state miseramente tradite da più di tre ore di estenuante copia e incolla delle puntate precedenti. Ci siamo così sorbiti nuovamente gli infiniti falò di confronto finale di tutte le sei coppie, corredate da brevi interviste di Filippo Bisciglia ai partecipanti un mese dopo il ritorno dal villaggio delle tentazioni.

Bisciglia non è Costanzo, ma neppure Marzullo e quindi propina a ciascuno le medesime domande da copione “Come va? Progetti per il futuro?”. Poi, solo a quelli che nel relais sardo hanno stretto pericolose amicizie, rivolge l’insidioso quesito di rito per sapere se al di fuori del programma il fidanzato o la fidanzato si turno si sia poi sentito o sentita con la persona single con cui aveva inciuciato per tutte le tre settimane. Per portare a termine con giudizio il suo compito, il nostro impavido conduttore, un po’ Freud, un po’ telefono amico in carne ed ossa, dopo essersi fatto un viaggio nel mondo dei sentimenti dei suoi ospiti, in pratica una fermata di bus, li invita a farsi da soli un augurio per la vita. Insomma una noia mortale, senza colpi di scena, tutto è andato esattamente come ci avevano già mostrato. Vedendoli ora sfilare uno dopo l’altro però ci viene da dire che quell’essere discutibile di Oronzo, al confronto del perfido Michael, è una mammola.

Ora sappiamo che è guarito dal vizio delle donne, che le guarda, ma non le fissa più, non fa battute e non tenta approcci, in pratica al momento se ne sta al guinzaglio della sua Valentina che lui “ama assai”. Lo rivediamo, al falò, compiere un gesto estremo: lancia gli occhiali da sole nel fuoco per dimostrare alla sua bella che, per amore suo, getta il suo strumento di lavoro prediletto, ovvero quello che gli permetteva di guardare le altre senza essere sgamato, perché ora ha occhi solo per lei, anche se ci dice che nel frattempo si è comprato un altro paio di occhiali ma con lenti trasparenti. Non vi stiamo raccontando la trama di una soap opera trash, vi riportiamo pari pari le bestialità raccolte dalla viva voce di questi pittoreschi personaggi, mezze mele di coppie che si reggono in piedi come un castello di carte incollate con il Vinavyl. In ogni caso, nel loro futuro di Valentina e Oronzo ci sono matrimonio e dei figli, prima però se ne vanno in vacanza ad Ibiza a rinsaldare la loro riunione, adesso che lui, dice testualmente, dopo dieci anni di fidanzamento ha imparato che deve portarle rispetto. Eppure per un attimo abbiamo anche ipotizzato che, una volta rientrata a casa, Valentina riprendesse possesso del suo cervello e si liberasse dello squallido fidanzato, invece, evidentemente, in terra pugliese, a suon di finte lacrime di lui, è finita a tarallucci e vino, nuovi occhiali da sole compresi.

Stessa solfa per Ida e Riccardo. Lui rosica ancora per l’amicizia che lei, nel villaggio delle ragazze, aveva allacciato con il single Davide ma che però, per rispetto del suo fidanzato, e quindi non perché non ne avesse voglia, ha deciso di non sentire più . Riccardo invece ha capito, nelle tre settimane in Sardegna, che Ida, conosciuta e conquistata grazie a Maria De Filippi a Uomini&donne over, è la donna della sua vita, quindi si trasferirà a breve da lei per prendersi cura anche del suo bimbo, regalandoci un happy end inaspettato.

Rose e fiori anche per i campani Raffaela e Andrea, che, dopo sette anni di fidanzamento diventato ormai un’abitudine, si sono scoperti innamoratissimi. Lui, ce lo ricordiamo tutti, e il replay del falò ci rinfresca la memoria, ha passato le tre settimane al villaggio sempre appiccicato alla provocante Teresa, con l’assurda scusa di testare la sua resistenza alla tentazione, e la sua fidanzata Raffaela ha abboccato alle sue fregnacce ed ora è tutta contenta perché lui “sta geloso”, le controlla il cellulare e organizza le giornate per stare con lei, in pratica è riuscita, tra lacrime e disperazione, ad ottenere il minimo sindacale previsto in una coppia con tanto di infantili cenni di gelosia che per lei significano interesse. Adesso è tranquilla, perché lui si è messo in gioco, ma stavolta non l’ha tradita, in via preventiva, consigliamo alla ragazza di alzare gli stipiti delle porte.

Auguri e figli maschi, come lui stesso desidera, a Francesco e Giada. Dopo la ridicola piazzata del ringalluzzito giovanotto al falò, conclusasi con bacio e immediato recupero della fidanzata glaciale, i due hanno cambiato casa e presa una con stanza in più per allargare la famiglia. Lei si ripromette di non trattarlo più da scendiletto e lui adesso si sente quello che tra i due porta i pantaloni. Solo perché lei glielo sta facendo credere.

Nessuna riappacificazione invece, come era intuibile, tra Martina e Giampaolo. Che i due fossero giunti al capolinea lo si era capito fin dalle prime battute, ma c’è voluta per entrambi la vicinanza con seducenti single per troncare finalmente una storia sfibrata ormai come i capelli di Martina, che augura tanta felicità al suo giovane ex fidanzato e che fuori si sta sentendo col single Andrew. Morto un Papa se ne fa un altro. Giampaolo si augura di essere felice con la f maiuscola e davanti a tale profondità di pensiero, Bisciglia si commuove. Invece non mostra alcuna simpatia per Michael, il fidanzato più abbietto che ci sia. Con la stessa espressione impassibile dipinta sul volto, dice di volere riportare Lara nella sua vita, ma poi viene fuori che si è dichiarato innamoratissimo alla single Rita. Lara, che forse per un momento ha anche creduto al pentimento del malvagio, vede il filmato, ci rimane di nuovo male, si sente come fosse su una candid camera e se ne va, in compagnia delle sue nuove orride extension, verso una nuova vita, e forse verso il trono giovane di Uomini&donne, come sussurrano alcune voci di corridoio.

E a noi di tutto ciò cosa rimane? Beh, intanto abbiamo imparato che Temptation island, e in particolare Is Morus Relais, è la Lourdes degli innamorati. Ogni donna che abbia un fidanzato fetente, infingardo, traditore, meschino e bugiardo, è sufficiente lo spedisca tre settimane in compagnia di conturbanti strafighe single per vederlo tornare sincero, innamorato e fedele. Gli uomini, dopo il pellegrinaggio al villaggio, intanto se ne tornano con qualche numero in più sul cellulare che fa sempre comodo, e poi possono approfittare di uno stato di grazia temporanea finché le rispettive fidanzate continueranno a credere alla loro conversione, manco fossero stati folgorati sulla via di Damasco.

Per il prossimo anno confidiamo in un’edizione girl power, ma anche quella settembrina con le celebrities e Simona Ventura al comando potrebbe darci soddisfazioni insperate.

E mentre attendiamo le novità dell’autunno, ecco che arrivano i promo con le anticipazioni del nuovo palinsesto tv. Da qualche giorno sta passando su Raiuno la pubblicità del nuovo talk show di Caterina Balivo. Dopo anni a Detto Fatto, la volitiva e tenace conduttrice è riuscita a scalzare Alessandro Greco con il suo Zero e lode e accaparrarsi la prima fascia pomeridiana di Raiuno con un one woman show, Vieni da me, che già dal titolo è odiosamente autoreferenziale. Il promo ci mostra la pimpante Caterina alle prese con telefoni e tablet su cui la contattano personaggi famosi, e non solo, desiderosi, come, ad esempio, Orietta Berti, di fare una sorpresa a suo marito, oppure come Amadeus e consorte che fremono per rivelare un segreto o come un’anonima signora incinta che non l’ha ancora detto al marito e cerca aiuto per comunicare la bella notizia. A tutti, l’affabile Balivo, risponde, “vieni da me” con l’aria di chi, grazie alle sue capacità, attende solo di essere incoronata regina del pomeriggio della rete ammiraglia.

Ma siamo ad agosto è l’estate è musica con Battiti live.

Ritorna anche quest’anno, su Italia 1 il programma musicale itinerante per le piazza del sud Italia prodotto da RadioNorba sotto la magistrale conduzione di Alan Palmieri e Elisabetta Gregoraci. Lui dice a lei “ti ho seguita tutto l’anno sui social, ma vederti dal vivo è tutto un altro film”. In effetti lei è abbronzatissima, bellissima ed in formissima e anche truccata e pettinata perfettamente a differenza delle artiste femminili che si esibiscono sul palco spettinate e stravolte dal sudore come pizzaioli con forno a legna sotto la canicola. Si vede che tutte le maestranze sono state impiegate per seguire Elisabetta e le altre donne, si arrangino. Il cast di questa specie di Festivalbar pugliese è composto da nomi che se avete più di 18 anni vi risultano sicuramente ignoti, come ad esempio Irama, Ultimo o Capo Plaza, ma anche da cantanti per tutti come Ermal Meta, Fabrizio Moro, Luca Carboni o Emma che, sudata e sfatta come un cinghiale della Maremma nel Sahara, canta un un brano dal testo criptico che fa “Ho sempre voglia di farmi male con te, facciamo i nostri giochi con la luce” e il pubblico di giovanissimi canta a tempo con lei. Nella prima puntata del programma abbiamo trovato una new entry che già dal secondo appuntamento è stata sostituita con una valletta muta. La special guest che ci è stata annunciata dai due conduttori, assolutamente poco avvezzi all’improvvisazione e che leggono ogni singola parola dal gobbo, è tale Maria Sole, star del web, influencer e attrice.

Mai vista né sentita prima, pare che questa giovanissima ragazzetta malvestita abbia migliaia di follower e quindi proprio grazie a questo suo ingente seguito di ammiratori, venga qui impiegata per tenere a bada il pubblico. Da una rapida ricerca in rete pare che sia una delle protagoniste del nuovo film di Pieraccioni, ma per ora sta nel sottopalco a porgere il microfono a fan sfegatate che vogliono rivolgere una domanda ad uno dei loro idoli. E’ talmente tanta la frenesia di parlare con i loro beniamini che le ragazzine di turno non sanno neppure cosa chiedere e devono leggere sul cellulare le domande chiaramente sono state dettate prima da qualcun altro. Maria Sole ad un tratto però prende la parola per ringraziare Emma per il testo della canzone “Malelingue” a nome di tutti coloro, supponiamo si riferisca ai suoi colleghi influencer, che hanno subito ingiurie dagli haters, e dalla faccia che ha probabile ne sappia qualcosa in prima persona. La Gregoraci commenta, forse arditamente fuori copione, che le donne hanno una marcia in più. Poi arriva Gabry Ponte a fare ballare la piazza con la sua versione tunz tunz di “Felicità” di Albano e Romina, prodotta evidentemente in un impeto di originalità senza precedenti, mentre la serata prosegue poi in un crescendo di abominevoli botte e risposte da manuale degli orrori trash.

Palmieri, che è anche direttore artistico della kermesse, chiede a Betta Lemme, l’interprete di “Bambola” se, dato che lei è poliglotta, e facendo intendere che anche lui lo sia, debba parlarle in inglese, francese, spagnolo o italiano. Lei dice che preferisce l’italiano, perché deve esercitare la lingua. Vediamo quindi quale complesse domande stanno per arrivare. Lui chiede “ti stai divertendo?”, lei rispondi di sì e lui la saluta con “Thank you so much to be here”. Ma come, già non le hai chiesto nulla, ma ti ha anche appena detto di parlare italiano! La Gregoraci invece che adora il backstage “perché è come ritrovarsi in casa ad una serata tra i amici”, forse parla dei suoi, chiede al duo di produttori pop Takagi & Ketra, creatori di capolavori quali “Amore e Capoeira”, “L’esercito dei selfie”, “Da sola”, quale sia il segreto del loro successo, quesito amletico che si pongono in molti, noi compresi, e uno dei due risponde semplicemente “c**o”. In effetti, così si spiega tutto.

Meno male che a rasserenarci insieme a loro arriva Giusy Ferreri con il suo tormentone estivo che canta stonando sulla sua stessa base, vestita come una che va alla sagra paesana, ma in fondo, come svela Irama, ammiccando al suo pubblico di ragazzine in visibilio, basta accendere le torce (dei telefoni) per rendere magica la piazza. Che non si lamentino poi se qualche stella cadente, offesa da tanta luce, stavolta decida di prendere bene la mira.