E’ difficile credere, dopo l’uscita di Coco della Disney-Pixar lo scorso anno, che gli spettatori di Grey’s Anatomy possano essere arrivati completamente impreparati alla visione di un episodio come Flowers Grow Out of My Grave dedicato al Dia de los Muertos, la festività messicana che onora e ricorda i defunti. Ciò non toglie che vedere Meredith percorrere con passo sicuro i corridoi del Grey Sloan Memorial tra le apparizioni degli spiriti di George (T. R. Knight), di una sorridente Ellis (Kate Burton), del suo cane Doc, di sua sorella Lexie (Chyler Leigh), di Derek (Patrick Dempsey) e del suo migliore amico Mark (Eric Dane) non sia stato particolarmente toccante.
La cosa migliore di questa scena, accompagnata da una commovente versione spagnola di Chasing Cars degli Snow Patrol, cantata da MOON&SUN e Israel De Corcho e appositamente commissionata dagli autori della serie per questa occasione, è il senso di nostalgia, ma anche di serenità che la caratterizza e che pervade tutto l’episodio. Una caratteristica che si deve probabilmente alla natura stessa della festività che, ben lungi da essere vissuta come un momento di composto dolore, è vista come un’occasione speciale per celebrare con affetto e ricordare con gioia i propri cari, qualcosa che l’episodio riesce a fare anche grazie al rispettoso tempo trascorso dalla dipartita di alcuni dei personaggi più amati dello show, la cui scomparsa ha causato – negli anni – non poco scompiglio tra i fan di Grey’s Anatomy.

Meredith Grey è una donna che conosce il dolore della perdita ed il senso di Flowers Grow Out of My Grave è chiaramente che tutte le persone che ha amato e perduto le sono costantemente accanto ed hanno soprattutto contribuito a renderla la persona che è oggi, ma per la stessa ragione, per le esperienze passate che hanno segnato la sua vita, il brillante medico sa anche riconoscere le proprie reazioni di fronte ad una tragedia e l’immobilità con cui accoglie l’annuncio del grave stato di salute di suo padre Thatcher, diventa per lei motivo di una sorta di analisi su cosa sia giusto provare all’idea della possibile perdita di un genitore che non si è mai comportato come tale e come invece la gente si aspetta che uno debba “comunemente” reagire.
Scopriamo infatti, all’inizio della puntata, che Thatcher, l’uomo a cui Meredith ha donato persino parte del proprio fegato, è nuovamente sparito dalla vita della figlia, che non lo vede dal funerale di Lexie. La freddezza con cui reagisce quindi alla notizia datale da Richard è non solo comprensibile, ma forse persino liberatoria, perché – pur sapendo di aver fatto per il proprio padre quanto umanamente possibile – Meredith non è mai riuscita, a causa dell’indifferenza di Thatcher, a costruire un vero rapporto con lui, motivo per cui non prova autentico e straziante dolore per il suo stato di salute e la sua probabile dipartita, una reazione molto onesta e coerente, soprattutto per qualcuno che ha detto addio a così tante persone che amava (e che la amavano) nella vita.

La celebrazione del Dia de los Muertos non è importante solo per Meredith, ma anche per Maggie che ricorda inevitabilmente sua madre, mentre Jackson cerca di consolarla e starle vicino in tutti modi quando tra i due, in maniera – oseremmo dire – decisamente sospetta, sembra essere tornato il sereno, nonostante la fuga di lui e la mancanza di spiegazioni con cui ha lasciato una donna che aveva appena dichiarato di amare.

Tra i B-plot della puntata il più divertente è sicuramente quello che vede protagonisti – di fronte ad un ascensore – Meredith, Link e, per un breve e spassoso momento, DeLuca.
E’ evidente che gli autori si stiano divertendo parecchio alle spese degli spettatori con il tema della “stagione dell’amore” e con la scelta di chi sarà il futuro compagno di vita della protagonista e, sebbene in Flowers Grow Out of My Grave il personaggio interpretato da Chris Carmack acquisisca maggiore spessore, al di là dell’essere semplicemente qualcuno che cerca di uscire disperatamente con ogni collega che gli passi a tiro, dubitiamo che possa essere un candidato papabile per una donna come Meredith, la quale probabilmente imparerà a conoscerlo meglio e a rispettarlo, ma difficilmente finirà per innamorarsene.

Chi invece si dirige verso la strada dell’amore sembrano essere Levi (Jake Borelli) e Nico (Alex Landi) che finalmente scambiano un primo appassionato bacio, ma la cui passione viene raffreddata dalla notizia che il giovane medico, che da poco ha accettato di essere gay, è alla sua prima esperienza, una circostanza che sembra bloccare Nico, il quale gli confessa di non essere preparato ad avere una relazione con qualcuno alle prima armi, ma di cercare invece qualcosa di meno impegnativo.

Miranda Bailey, invece, dopo l’ennesimo caso brillantemente risolto con l’aiuto di Jo, si prepara ad affrontare quella che è una crisi matrimoniale in avvicinamento e di cui Ben non è probabilmente, minimamente consapevole, mentre il triangolo Owen, Amelia, Teddy continua a trascinarsi stancamente, con quest’ultima che – nonostante i propositi – non riesce a confessare ad Owen di essere incinta del suo bambino dopo che lo vede felice e sereno al centro della disfunzionale e complessa famiglia che ha costruito con Betty e Leo.

La quindicesima stagione di Grey’s Anatomy va in onda negli Stati Uniti ogni giovedì sulla ABC.