Il creatore di Hill House, Mike Flanagan, conferma che ha brevemente preso in considerazione di chiudere la prima stagione della serie Netflix su un cliffhanger, invece del finale chiuso che gli spettatori hanno potuto vedere. E l’autore non ha dubbi di aver fatto la giusta scelta creativa.

“Non era nulla di ciò che volevo dare al pubblico, motivo per cui l’abbiamo abbandonato rapidamente”, dice Flanagan del colpo di scena accantonato. “Faceva parte delle primissime conversazioni che abbiamo avuto, ma non ha mai preso una forma di cui vorrei parlare”.

Flanagan conferma inoltre che il finale della serie Netflix coincide con la sceneggiatura originale. “Qualunque siano le altre idee che abbiamo preso in esame, il finale che abbiamo girato è in realtà molto in linea con il modo in cui è stato concepito e presentato per la prima volta”, afferma. “Penso che le altre idee fossero solo delle deviazioni, ma sono tornate tutte allo stesso punto”.

Flanagan dice poi che il monologo recitato da Steven (Michiel Huisman) nell’episodio finale è “quasi esattamente” lo stesso che aveva inizialmente immaginato. “Qualche settimana fa ho riguardato il documento iniziale che avevamo elaborato, e sono rimasto sorpreso nel vedere che il monologo è sopravvissuto quasi completamente invariato”, si meraviglia, “fino a “Spesso un fantasma è un desiderio… Vorrei essere stato un marito migliore. Vorrei essere stato un fratello migliore.”

Cosa ne pensate? Avreste preferito un altro finale per Hill House? Fatecelo sapere nei commenti!

Fonte: TV Line