Dovrebbe essere l’inizio della seconda parte di stagione, e invece, esattamente come avvenuto per la quarta, somiglia più ad una première. La quinta stagione di Vikings ricomincia con l’undicesimo episodio, ma tutto somiglia ad una ripartenza, anzi a molte. La vicenda della serie di FX era andata in pausa su una grande battaglia che aveva visto vincitore Ivar contro Lagertha. Tutto in questo episodio, intitolato The Revelation, è costruito come una ripartenza netta. I personaggi si spostano in nuovi luoghi, assumono nuove posizioni di comando o al contrario le perdono.

La rivelazione del titolo dell’episodio riguarda la paternità di Rollo nei confronti di Bjorn. La teoria girava da tempo, e lo stesso interprete di Rollo in un’intervista aveva accennato ad alcuni affari in sospeso con Lagertha e Bjorn. Li ritrova, ed è un bene per la drammaticità del momento, nella sconfitta e nello sconforto, e qui arriva la rivelazione. La reazione di Bjorn ha allora un doppio valore. In primo luogo conferma il legame del personaggio con Ragnar, con il suo lascito. Bjorn potrà non essere veramente figlio di Ragnar, ma tra tutti i suoi fratelli o fratellastri è quello che più ha preso da quella figura e ne è stato influenzato. Guerriero, esploratore, personaggio con dei principi.

Proprio questi principi, in secondo luogo, lo porteranno a rifiutare l’offerta di aiuto di Rollo. Andare in Franchia significa mettere la parola fine alla storia. Significa sottomettersi alla sconfitta, ad Ivar, e accettare un futuro in cui non sarà più padrone del proprio destino (senza contare l’intervento di Rollo nella battaglia decisiva). Quindi meglio allora rivolgere lo sguardo ad altri territori. Certo, Heahmund, che consiglia di riparare nel Wessex, non conosce la nuova situazione sul trono, e le conseguenze saranno visibili nel finale di episodio. Si parla anche del nuovo regno di Alfred, che da un lato si inimica la chiesa, e dall’altro tenta di fortificare l’isola contro i vichinghi affidando l’esercito a Aethelred.

Il resto è ancor più preparatorio. Ivar si gode il potere su Kattegat, familiarizza con una donna, e cerca di condurre in porto un accordo con Rollo. Il vero sconfitto nella situazione appare Harald, che ha perso Halfdan. La vicenda di Floki nella terra degli dei non è davvero mai interessante, e questo episodio non fa che rimarcare la delusione di alcuni e la fiducia cieca di altri nei suoi confronti.