La seconda parte della 7^ stagione di Arrow riprenderà negli Stati Uniti questa sera con il decimo episodio intitolato “My Name Is Emiko Queen” e grazie alla politica non-spoiler della nuova showrunner Beth Schwartz non si hanno idee precise sulla direzione che la trama della capostipite dell’Arrowverse prenderà quest’anno, il che è una novità piacevole per la serie.

Una delle molte risposte a cui lo show dovrà rispondere è sicuramente come Oliver Queen (Stephen Amell), nei panni di Green Arrow, si adatterà alla sua nuova posizione di consulente del Dipartimento di Polizia di Star City e di quale effetto avrà questa relazione sulla città stessa e sul Capitano Dinah Drake, soprattutto dopo che il nuovo sindaco, Emily Pollard, si è dimostrata meno che entusiasta dell’idea di legittimare il ruolo di un vigilante.
L’arciere mascherato non dovrà tuttavia risolvere problemi solo sul lavoro, ma avrà sicuramente anche diversi grattacapi nella sua vita privata, soprattutto dopo le tensioni – apparentemente risolte – con la moglie Felicity Smoak (Emily Bett Rickards) che, durante la sua carcerazione, è andata incontro ad un radicale cambiamento dovuto alla necessità di proteggere se stessa e William dalle minacce di Ricardo Diaz dopo che il marito, senza consultarla, ha deciso di consegnarsi all’FBI per il bene del Team Arrow e dell’intera città.
Lo show non mancherà di chiarire anche la storyline che si svolge nel futuro, rivelando non solo il mistero dietro l’apparente morte di Felicity, grazie all’introduzione di un nuovo personaggio di nome Maya – interpretata da Katherine McNamara – una street-fighter a cui William (Ben Lewis), Dinah (Juliana Harkavy) e Zoe (Andrea Sixtos) si sono rivolti, ma mostrando anche il futuro di tutti i componenti del Team Arrow.
Tornando al presente, gli autori riveleranno ufficialmente anche l’identità del nuovo Green Arrow il cui nome – che non è a questo punto un gran segreto, considerato il titolo del prossimo episodio – non è stato tecnicamente pronunciato, nonostante sia stato svelato che il personaggio è una donna e soprattutto è la figlia di Robert Queen, il defunto padre di Oliver.

L’ingresso stesso nella serie di Emiko Queen (Sea Shimooka) apre le porte a diverse e potenzialmente interessanti storyline: non solo gli autori dovranno infatti spiegare la sua stessa origine, ma anche il motivo per cui la donna abbia deciso di recarsi a Star City ed indossare i panni di Green Arrow, nonché il rapporto che la lega al fratellastro Oliver che, almeno per il momento è completamente ignaro di avere una sorellastra.
E’ inoltre plausibile che la presenza di Emiko sia collegata ad un recente spoiler pubblicato da TV Line che – in seguito ad un’intervista con la Schwartz – ha rivelato come uno dei prossimi episodi introdurrà nello show il gruppo chiamato Birds of Prey.

Nonostante – e come da copione – la showrunner non abbia rivelato troppi particolari a riguardo, al momento sappiamo che una delle principali protagoniste della puntata sarà la Laurel Lance di Terra-2, Black Siren (Katie Cassidy), ritornata nello show in un diverso ruolo… o quasi, dopo che la sua controparte di Terra-1 era stata uccisa nella quarta stagione da Damien Dahrk (Neil McDonough). Durante la permanenza di Oliver in prigione, il personaggio di Laurel ha acquisito sempre maggiore importanza, non solo si è infatti dimostrata una preziosa alleata per l’ormai disfatto Team Arrow e per Felicity in particolare, ma – nel suo ruolo di procuratrice distrettuale – è stata anche essenziale ai fin della scarcerazione del protagonista.
La rivelazione dell’introduzione nella serie di Birds of Prey, di cui Black Siren farà sicuramente parte, non solo ci fornirà anche fondamentali particolari mancanti sulla storia di origine di non-Laurel, ma creerà anche una nuova alleanza tra personaggi di cui possiamo per ora solo immaginare l’identità.

Nei fumetti Birds of Prey, oltre ad essere il titolo di una miniserie pubblicata dalla DC Comics nel 1996 ed ideata da Gail Simone, è il nome di un gruppo di supereroine costituito principalmente da Barbara Gordon (a volte con il suo alias di Batgirl, altre con quello di Oracle) e Dinah Lance (Black Canary), con altri personaggi che negli anni si sono susseguiti come membri del team, tra i quali troviamo per esempio Helena Bertinelli, alias Huntress (interpretata in Arrow da Jessica De Gouw) che – non a caso – è stata la guest star del 17° episodio della seconda stagione della serie, intitolato appunto Birds of Prey.
Considerate queste premesse non è difficile immaginare chi potrebbe far parte di questo nuovo team oltre a Black Siren e Felicity, nel suo alias di Overwatch e nel caso in cui gli autori volessero allargarne i confini. L’ultima volta che Helena Bertinelli è apparsa nella serie (proprio nell’episodio intitolato Birds of Prey) è stato anche reso noto come The Huntress avesse anche deciso di voltare pagina dopo l’assassinio del padre, una condizione che la renderebbe idonea a far parte del gruppo, per non parlare – come anticipavamo – di Emiko Queen.
Sebbene il personaggio, nei fumetti, non abbia mai fatto ufficialmente parte del team, e al momento non sia chiaro se possa essere considerata un’alleata o una nemica, non sarebbe una novità, da parte degli autori dell’Arrowverse, reinterpretare il materiale di origine, mentre non sarebbe una vera e propria reinterpretazione decidere di inserire nel team anche la Black Canary di Juliana Harkavy che dovrà tornare ad indossare la sua maschera di Black Canary.
In un mossa decisamente inaspettata, non è nemmeno escluso che anche la White Canary di Sara Lance (Caity Lotz) possa fare un’apparizione speciale nell’episodio anticipato dalla showrunner, accontentando così i molti fan che vorrebbero vedere Sara e la doppelgänger di sua sorella Laurel combattere finalmente fianco a fianco.

La settima stagione di Arrow va in onda negli Stati Uniti ogni lunedì su The CW.