Come avevamo anticipato nello speciale della scorsa settimana, il fatto che Star City Slayer – 13° episodio della settima stagione di Arrow – fosse firmato dalla showrunner Beth Schwartz era l’inequivocabile segnale che ci attendeva un’importante rivelazione che avrebbe segnato per sempre il corso della serie e infatti viene confermata una teoria che girava ormai da tempo nella rete secondo cui la Blackstar di Katherine McNamara altri non è che la figlia di Oliver e Felicity, Mia Smoak la quale, per motivi che ancora non sono stati rivelati, ha scelto di portare il nome della madre che ritiene peraltro essere ancora viva e vegeta. Il passaggio di testimone tra genitori e figli (Oliver e WilliamRene e ZoeDiggle e JJ) sta diventando uno dei temi portanti di questa stagione, non deve quindi sorprendere che sia arrivato, per la progenie della coppia principale della serie, il turno di comparire e raccontare la propria storia.

CORRELATO – Arrow: l’importanza di Star City Slayer e l’introduzione di Connor Hawke e Mia Dearden

Un altro elemento centrale dell’episodio è l’arrivederci alla serie del personaggio di Curtis (Echo Kellum) il quale decide di lasciare l’ARGUS per accettare un proposta di lavoro nella capitale, lasciando a Felicity la propria parte dell’Helix, la società che avevano fondato assieme. Di tutti i membri del Team ArrowCurtis, alias Mr. Terrific è quello che sicuramente aveva sofferto più di tutti di una mancanza di un vero ruolo nella serie, finendo per essere sottoutilizzato, un problema non inusuale per uno show con un cast tanto numeroso come quello di Arrow.

In termini di passaggio di testimone la storyline del cattivo di puntata che, come avevamo rivelato altri non era che Stanley Dover (Brendan Fletcher), il primo amico che Oliver Queen avesse trovato nella prigione di Slabside, rivelatosi poi un pazzo assassino, porta a quello che sarà probabilmente un importante cambiamento per la Black Canary di Dinah che, aggredita da Stanley in quella che rievoca una scena di un classico film del terrore, si ritrova con la gola recisa e viene salvata da Curtis all’ultimo momento.
Considerata la gravità della ferita viene chiaramente spontaneo domandarsi se il suo potere sia stato in qualche modo intaccato (nei flashback non l’abbiamo mai vista usare il suo canary cry) e se questo non sia stato un modo per gli autori di risolvere il problema di avere due personaggi con le medesime caratteristiche e dare così a Katie Cassidy l’opportunità di tornare a vestire non solo i panni della Laurel di Terra-1, ma anche quelli dell’originale Back Canary.

Un altro importante elemento dell’episodio, ma anche quello che risulta avere maggiori problemi dal punto di vista narrativo, è ovviamente il rapporto tra Oliver ed il figlio William. Uno dei fondamenti della scorsa stagione era stata la decisione del protagonista di appendere la propria maschera al chiodo per permettere al figlio di avere una vita normale e non vivere nel costante terrore di perdere il padre nello stesso modo in cui aveva perduto la madre. Dopo la comparsa di Ricardo Diaz sulla scena, tuttavia, Oliver aveva preso la decisione di costituirsi all’FBI finendo in carcere, non solo senza consultare né il figlio né la moglie, ma senza nemmeno riflettere davvero sulle conseguenze della sua scelta, considerato che proprio i suoi cari hanno dovuto darsi alla fuga e nascondersi per evitare di essere rintracciati ed uccisi da Diaz.
Il risentimento che il figlio prova quindi nei confronti del padre è più che comprensibile, soprattutto se si considera che, archiviato il pericolo Diaz (almeno per ciò che Oliver e Felicity sanno), il ragazzo è stato completamente abbandonato a se stesso e lasciato in un collegio a festeggiare un triste e solitario Natale poco prima di venire espulso, notizia di cui nessuno era peraltro incredibilmente a conoscenza.
Per un uomo che non ha fatto nulla per nascondere il proprio disprezzo per il proprio padre dopo aver scoperto che aveva abbandonato l’amante e la figlia che aveva avuto con lei (Emiko), Oliver non dimostra dal canto suo di essere un padre esattamente esemplare e per quanto la scena dell’addio tra lui e William sia toccante, nulla di ciò che ha fatto in pratica ha dimostrato che sia davvero pronto per questo ruolo, un interessante sfida da lanciare proprio ora che Felicity sembra aver ricevuto la notizia di essere incinta di quella che sarà appunto Mia nel futuro.

Per quanto concerne gli Easter Egg contenuti nell’episodio, oltre alla presenza di Stanley nei panni dello Star City Slayer (che nei comics è un feroce serial killer, ma di bambini) segnaliamo anche i molti riferimenti al famigerato chili super piccante di Oliver, un inside joke che si può trovare in moltissimi fumetti dell’arciere mascherato.

La settima stagione di Arrow, con l’episodio Brothers and Sisters, tornerà in onda negli Stati Uniti ogni lunedì 4 marzo su The CW, mentre in Italia debutterà a partire da martedì 12 marzo 2019 su Premium Action.