Il dodicesimo episodio di Grey’s Anatomy, intitolato Girlfriend in a Coma, ha una peculiare cronologia scandita dal lungo ricovero di Natasha, una giovane donna in coma in seguito ad un grave incidente che le ha impedito di sposarsi con il fidanzato Garrett, che la accudisce lungo tutto il corso della puntata che si svolge, appunto, tra Natale e San Valentino, in una timeline di ben due mesi durante la quale, come c’era da aspettarsi, succedono davvero molte cose.

Tagliamo subito la testa al toro e affrontiamo il triangolo, che mai vero triangolo fu, tra Meredith, DeLuca e Link: i segnali c’erano tutti e, nonostante il suo fascino e la sua capacità di attendere senza fare sull’oggetto del suo interesse alcuna pressione, Link perde definitivamente una partita contro DeLuca che forse non è mai stato consapevole di non aver nemmeno cominciato a giocare. Per la fine di Girlfriend in a Coma, Meredith sembra infatti aver fatto la sua scelta, il condizionale è d’obbligo considerato che non sappiamo ciò che ci attende in futuro, e lei ed Andrew sono protagonisti di un romantico appuntamento sul tetto dell’ospedale e di un bacio mozzafiato.
Ciò nonostante molti punti di questa storyline ci hanno lasciati perplessi.
Se da una parte vedere DeLuca così sicuro della scelta che Meredith avrebbe fatto sia stato in parte piacevole, non fosse altro perché in lui riconosciamo un uomo sicuro di sé e non più il ragazzo un po’ smarrito che debuttò qualche anno fa nella serie, nel corso della puntata abbiamo anche spesso percepito quella sicurezza come strafottenza.
Un esempio su tutti, quando Garrett, il fidanzato di Natasha, ha una crisi a causa della ricaduta della donna, Meredith è pronta a consolarlo e sostenerlo con parole che vengono direttamente dalla sua stessa tragica esperienza: Meredith è personalmente e dolorosamente consapevole di cosa significhi affrontare la morte di una persona che si ama profondamente, ma sa anche che la vita continua e che anche Garrett, come lei, può trovare una ragione per andare avanti, pur avendo la sensazione che gli manchi letteralmente il respiro.
Di tutta questa scena, a cui DeLuca assiste, il giovane dottore sembra però non capire molto.
Invece di leggere nelle parole di Meredith il coraggio di una donna che ha affrontato un dolore incommensurabile e che ha trovato comunque la forza di reagire, Andrew le rinfaccia in pratica di “predicare bene e razzolare male“, accusandola di avere in realtà paura dell’amore e delle porte che un rapporto con lui potrebbero aprirle. Sebbene il discorso finisca per avere alla fine un effetto su di lei, guardando la scena c’è comunque da domandarsi quanto davvero DeLuca abbia capito di Meredith.
Come se non bastasse, in tutto questo Link viene usato come una sorta di specchietto per le allodole, suggerendo la possibilità di una sfida tra lui e DeLuca che non c’è mai davvero stata, perché l’ortopedico non ha mai davvero avuto grandi possibilità con Meredith. E più gli autori lo disegnano come un bravo ragazzo che non solo non fa pressioni su Meredith, ma si dimostra generoso (passa la vigilia di Natale con i bambini ricoverati in oncologia) e attento, più fanno in modo che la dottoressa lo ignori. La ciliegina sulla torta di questa imbarazzante storyline raggiungerà poi il culmine quando Meredith inviterà Link a cena per il giorno di San Valentino, per dare di fatto una lezione a DeLuca, e poi gli darà buca, evento che peraltro Link accetterà con estrema sportività, dimostrando come lui stesso fosse consapevole di non essere riuscito a solleticare l’interesse di Meredith.

D’altro canto, se da una parte questa finta gara al cuore della protagonista della serie ci ha messo leggermente a disagio, dall’altra bisogna dare credito agli autori di essere riusciti – con il tempo, con molto tempo – a ribaltare i sentimenti del pubblico nei confronti del bel DeLuca. Quando Giacomo Gianniotti debuttò nella serie, era l’11^ stagione, a così breve tempo dalla scomparsa di Derek, ci fu un’autentica sollevazione popolare contro di lui e contro la possibilità che, in qualche modo, potesse sostituire il compianto personaggio nel cuore di Meredith: facendo un flash-forward ad oggi, l’idea che i due possano avere una seria relazione non sembra più tanto assurda.

Il B-plot dell’episodio riguarda invece un’autentica bomba lanciata da Betty ad Amelia.
La ragazza è ancora ricoverata nel tentativo di combattere la sua dipendenza ed Amelia continua a farle religiosamente visita e sostenerla fino a che Betty le rivela di non chiamarsi nemmeno così, ma Brittany, di averla ingannata facendole credere di essersi messa in contatto con sua madre, quando in realtà ha sempre parlato con un’amica che ne ha interpretato il ruolo e di non aver mai parlato con i genitori, i quali non solo non hanno idea di dove lei sia e non sanno nemmeno di essere diventati nonni.
Da questo momento in poi le cose per Amelia ed Owen si faranno complicate: mentre la prima vuole infatti rispettare la volontà di Brittany di non contattare ancora i genitori, Owen vorrebbe farlo senza la sua autorizzazione, terrorizzato all’idea di perdere Leo.
In tutto ciò il pancione di Teddy continua a crescere, come fa il rapporto di quest’ultima con Tom, con il quale esce per un appuntamento romantico a San Valentino, giorno in cui Owen si accorgerà per la prima volta che tra i due c’è del tenero. Ma se davvero Owen dovesse perdere Leo, che ripercussioni questa cosa potrebbe avere sul suo rapporto con Amelia e Teddy? Ai posteri l’ardua sentenza.

La quindicesima stagione di Grey’s Anatomy va in onda negli Stati Uniti ogni giovedì sulla ABC, mentre in Italia riprenderà a partire da lunedì 25 febbraio su Fox Life.