I telespettatori sintonizzati qualche giorno fa su talk show del mattino di Rai1 Storie Italiane devono avere pensato di trovarsi di fronte ad un inopportuno scherzo da prete in senso stretto, ma Don Bruno Fasani, noto volto televisivo, che prete lo è davvero, stavolta non stava scherzando affatto e, quasi senza accorgersene, si è reso così protagonista di una clamorosa ed incredibile gaffe. Uno dei temi di discussione della puntata in questione è il controverso matrimonio del cantante neomelodico Tony Colombo con Tina Rispoli, vedova di un boss locale. Per introdurre il dibattito parte un servizio che sembra una fotocopia di quelli di Barbara D’Urso, con tanto di titoloni melodrammatici che stavolta recitano così “Mi sono sentita la principessa di Secondigliano, poi mi hanno rovinato la festa”, “Hanno inquinato la mia favola” e poi un’inquietante promessa “Rifarò tutto tra un mese in chiesa”.

Il fatto lo avete letto su tutti i giornali, pare che la coppia composta dal famoso cantante partenopeo e dalla sua fidanzata Tina, per celebrare le fastose nozze, abbia bloccato il centro di Napoli senza avere ottenuto i permessi dal Comune. Lo sposo ha dichiarato di avere fatto tutto in regola, adesso però la Procura indaga perché quello che era stato richiesto come un semplice permesso per un flashmob si è trasformato nell’occupazione di Piazza del Plebiscito per quattro ore, con tanto di palco montato e concerto dell’artista neomelodico con successiva invasione di auto d’epoca, carrozze e trombettieri al Maschio Angioino, cornice prescelta per celebrare l’unione. L’intero avvenimento ha meritato un’intera diretta dedicata nel contenitore dell’umido pomeridiano di Barbara D’Urso, a cui la sposa, appena scesa dall’auto, mandava i suoi saluti. Ora Eleonora Daniele con la medesima espressione contrita che utilizza sia che parli di sbarchi di migranti o di una strage familiare o in questo caso, di nozze tamarre, vuole vederci chiaro e andare a fondo della questione.

La giornalista Maria Consiglia Izzo, ospite in studio, difende strenuamente Tony, spiegando che ha agito nella perfetta legalità e che tanti matrimoni al sud si celebrano in questo modo e questo in particolare non deve essere condannato perché, testuali parole, “Guarda caso la coincidenza nello stesso giorno c’era in città un convegno, per carità, rispettabilissimo” facendo riferimento al convegno anticamorra previsto al Maschio Angioino proprio nella stessa data e spostato per consentire le suddette nozze. La Daniele inizia ad innervosirsi come sempre le capita quando non le piace ciò che stanno dicendo i suoi ospiti e viene colta dalla sindrome di Mara Venier, si sbraccia e a chiede l’intervento di vari assistenti di studio per avere immediatamente i fogli con le dichiarazioni del sindaco di Napoli, dato che il regista non ha mandato il video che lei aveva richiesto e nel frattempo, sperando in un intervento adeguato, passa la parola a Don Bruno.

Il religioso esordisce senza mezzi termini dicendo “A parte il cattivo gusto, perché, diciamolo, per la gente del nord certe cose sono abbastanza kitsch… “ ma non riesce a finire la frase che la conduttrice immediatamente lo interrompe “Ma che c’entra nord e sud?” e lui, agguerrito “C’entra che esiste anche un programma tv proprio di queste celebrazioni che si tengono nel napoletano e trovo che sia un modo per propagare il cattivo gusto. Io onestamente al nord non l’ho mai vista una cosa così, capisco che è politicamente corretto impedirmi di dirlo, ma non ho mai visto nulla di simile”. Il religioso, che evidentemente non è un grande estimatore del Boss delle cerimonie, è riuscito a mandare in bestia la Daniele che gli toglie la parola “Io non sopporto i luoghi comuni su nord e sud e li combatto”. Il clima è rovente, la puntata ormai è compromessa, lei fatica a tornare in sé, abbiamo il timore che Don Bruno da queste parti non lo rivedremo più.

Un altrettanto acceso dibattito ha preso forma nei giorni scorsi nella nuova edizione di Dritto e Rovescio il programma di approfondimento di Paolo del Debbio, grazie alla vivace presenza del direttore Vittorio Feltri, che per l’ennesima volta è stato interpellato riguardo la vicenda dell’insegnante di Prato indagata per violenza ai danni di un ragazzino quattordicenne da cui ha avuto anche un bimbo. Feltri in questi giorni è stato invitato ovunque a parlare del caso e ovunque ha espresso le sue strampalate considerazioni, quindi è chiaro che ripeterà di nuovo ciò che ha già detto e che ha suscitato sui social un certo clamore, anche se ormai siamo abituati alle originali uscite del direttore. Quindi sostiene di nuovo che si possa parlare di circonvenzione di minore e che di certo la signora in questione non sia una brava persona, non si debba parlare di abusi perché anche lui a quindici anni era capitato di unirsi carnalmente con una donna che aveva il doppio della sua età e ne era stato ben felice.

Da lì in poi i toni diventano sempre più grevi, passando da quella che lui definisce una “scop***na” che non ha mai fatto male a nessuno, fino ad affermare che, per quanto lo riguarda, lui non ha “mai avuto paura della passera”. La psicoterapeuta Stefania Andreoli trasale e lo interrompe, gridando di smetterla di dire stupidaggini, Feltri non la prende bene, prima le dà della cafona perché non lo lascia parlare, poi si scalda ancora di più e sbotta “Lei non mi lascia parlare, non mi può rompere i cog****i ogni due minuti”, il pubblico scoppia a ridere, ormai è guerra aperta. La psicologa non demorde e cerca di fare valere le sue ragioni, ma il direttore ha perso la pazienza “A me non interessa che lei condivida o meno quello che dico, ma io la lascio parlare, a questo punto me ne vado, buonasera e vaf*****lo a tutti”, si alza, si toglie il microfono e sparisce dal video. “Lei è volgare” dice la dottoressa, ma lui se n’è già andato.

Dopo la parentesi insulti, arriviamo invece alla finalissima de L’isola dei famosi. I naufraghi rimasti in gara sono rientrati in Italia, e si sfidano nelle ultime prove fisiche e negli ultimi televoti per conquistare l’agognato titolo. Verso il termine della puntata rimangono i due finalisti, Marina La Rosa e Marco Maddaloni, in elettrizzante attesa di conoscere chi dei due sia il vincitore, ma prima che arrivi la fantomatica busta, Alessia Marcuzzi intrattiene ancora per un po’ il pubblico rivolgendo ai due naufraghi le domande scomode che finora nessuno ha mai rivolto loro. Prima che uno dei due venga proclamato vincitore bisogna pagare pegno.

E noi ci aspettiamo di sentire uscire da quelle labbra chissà quali torbidi ed inconfessabili nefandezze invece l’interrogatorio comincia così “Di quale naufrago avete festeggiato l’eliminazione?”, entrambi senza esitazione rispondono quasi all’unisono “Soleil!”, poi la Marcuzzi chiede se avessero mai mangiato cibo di nascosto durante tutta la permanenza sull’isola e Marina nega mentre Marco confessa di avere mangiato cocchi all’insaputa degli altri in almeno due occasioni. Fin qui, nulla di interessante, ma prima che ci cali la palpebra per l’ora tarda e la noia micidiale, ecco che le cose si fanno più piccanti.

La conduttrice domanda se per caso avessero mai provato attrazione sessuale per un altro naufrago, Maddaloni scoppia a ridere e risponde che vista la fame e le condizioni, il sesso era l’ultimo dei loro pensieri e mimando l’elegante gesto aggiunge anzi che quando andava a fare la pipi pensava “Uè, ma ci sei pure tu?” rivolto all’organo ormai sopito. Messi alle strette però da Alessia alla fine ammettono lui di avere guardato con occhio interessato Yuma, mentre Marina spiazza tutti confessando di avere apprezzato la prestanza di Stefano Bettarini.

Si alza l’asticella, non quella che pensate voi, e la Marcuzzi chiede di rivelare ora un segreto che riguardi uno degli altri compagni naufraghi e finalmente giunge come manna dal cielo il vero scoop che tutti stiamo attendendo. Marina senza esitazioni racconta così di un concorrente che ha avuto un’illuminazione nella sua vita, le telecamere puntano direttamente su Paolo Brosio che ha l’aria stupita ma anche atterrita, e prosegue precisando che nonostante la vocazione abbia annullato in lui la parte sessuale, tuttavia, poiché questo uomo aveva l’abitudine di stare spesso nudo, lei ha avuto modo di notare che “là” è proprio ben messo.

Lo studio scoppia a ridere, ma Alba Parietti, forse distratta o rintronata, chiede a Marina di fare il nome del naufrago, perché lei a questo punto vuole sapere, la Marcuzzi cerca di uscire dal ginepraio in cui si è infilata e cerca di chiudere la faccenda dicendo che dei dettagli precisi ne parleranno durante la pubblicità. Quando si ritorna in studio dopo il break la telecamera indugia però su Marina La Rosa che con le mani sta cercando di dare un’idea delle dimensioni a cui poco prima faceva riferimento, ma è Maddaloni a virare sul trash più estremo tirando in ballo le pastiglie di antidiarroico di cui ha fatto largo uso durante il gradevole soggiorno e per chiudere in bellezza, prima che il televoto decreti la sua vittoria, ci tocca sentirlo disquisire con Marina sulla consistenza delle feci dei naufraghi. Ne sono passate di tempeste e smottamenti intestinali dal giorno in cui qualcuno scrisse che siamo fatti della stessa sostanza dei sogni…