Kurt Sutter, qui ideatore e produttore esecutivo, deve avere una grande fiducia in Mayans M.C. In generale la gravitas è una componente storica anche di Sons of Anarchy, era ciò che rendeva quella storia tragica più grande di quel che era, quantomeno nelle prime stagioni. Da quando è partito, lo spin-off ha ripreso quel tipo di stile, senza mutare formula. Che è un approccio sensato, per chi vuole costruire una continuità di stile tra un’opera e l’altra. Anche nel season finale, Mayans M.C. si presenta come una serie più grande di quel che effettivamente è, una pesantezza d’intenti e di scrittura che non aiuta il coinvolgimento.

Proprio quando ci aspettavamo un episodio finale che, in accordo con quella che sembra la pratica comune, si sarebbe dilungato almeno per un’ora e dieci, in realtà arriva una puntata che non supera l’ora. Meglio così, ma la costruzione degli eventi al tempo stesso ne soffre. Buona parte dei conflitti e delle alleanze delle ultime puntate si congela, e gli eventi che vorrebbero essere clamorosi cadono nel vuoto. EZ e Angel fanno il lavoro sporco al quale li costringe Potter; Felipe e Kevin hanno un duro confronto; Galindo cambia qualcosa nell’assetto di potere. Poco altro.

C’è un “colpo di scena finale” più dichiarato che sentito, con un collegamento tra il passato di EZ e Sons of Anarchy. Ma è rumore di fondo di una serie che, dopo aver impostato i conflitti principali nei primi due episodi, ha girato a vuoto. Poco interessante di per sé, Mayans M.C è lo specchio di una tv massiccia, senza freni e senza paletti, che propone episodi troppo lunghi solo perché ha la possibilità di farlo.

E manca una visione forte, l’idea che ci sia davvero qualcosa da raccontare per giustificare la gravitas della narrazione. L’impronta stilistica si ferma ad aperture di puntata che mostrano animali vivi o morti, e in flashback stranianti e vecchi per impostazione. Il resto sono conflitti di grana grossa e personaggi mai interessanti – a partire dal protagonista – che per una serie così brutale potrebbero anche starci, ma Mayans MC non è mai riuscita a colpire nemmeno da quel punto di vista.