Black Mirror - Recensioni

Aggiornato il 19 aprile 2019 alle 21:18

Il cuore di Bandersnatch non risiede, come è stato detto, nel mero giochino dell'interattività tra lo spettatore e i fatti raccontati, ma nella riflessione più profonda sui meccanismi stessi che muovono le storie. Il legame con i videogiochi, centrale

SPOILERLa collaborazione tra Netflix e Charlie Brooker per la produzione di dodici episodi di Black Mirror, spalmati poi in due stagioni da sei puntate ciascuna, termina qui. Non sappiamo ancora cosa riserverà il futuro alla serie antologica, ma per adesso
black mirror

SPOILERLa sperimentazione è una costante nella terza e quarta stagione di Black Mirror. Lo ripetiamo ad ogni occasione. Di fronte alla necessità di produrre più episodi, bisogna uscire dalla linea retta tracciata agli esordi e, approfittando della natura
black mirror

SPOILERAlle spalle di Hang the DJ c'è tutta la capacità di Black Mirror di puntare forte sull'emotività che le sue riflessioni provocano. Una emotività pura e positiva, che trascende il puro gusto della metafora e della critica sociale e, semplicemente,
black mirror

SPOILERNonostante il tema dei ricordi e la possibilità di riaccedervi, Crocodile è un episodio molto diverso da The Entire History of You. È invece decisamente più simile a Shut Up and Dance, la puntata della terza stagione incentrata su un ragazzo costretto
black-mirror banner

SPOILERArkangel è l'episodio tipico di Black Mirror, senza dubbio nella quarta stagione il più simile per impostazione e scrittura all'incarnazione inglese della serie di Charlie Brooker. Ne riprende ad esempio la freddezza calcolata nell'accumulare spunti
black mirror

SPOILERC'è tutto l'immaginario di Star Trek al centro di U.S.S. Callister, episodio "spaziale" della quarta stagione di Black Mirror. Il senso della parodia e della ricerca del riferimento sono immediati e percepibili fin dalla prima scena in cui ancora non
Black Mirror

La quarta stagione di Black Mirror è diversa dalle prime due storiche, andate in onda sulla BBC, nello stesso modo in cui già lo era la terza. Chi si aspetta di trovare, in tutti i sei episodi, quel mood particolare declinato secondo storie diverse,